Il ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio ha annunciato la decisione del Governo in merito al post-terremoto: non verranno costruite new town. Accumoli, Amatrice e gli altri Comuni spazzati via dal sisma saranno ricostruiti. La dichiarazione è arrivata questa mattina in un’intervista al Corriere della Sera nella quale il ministro ha fatto il punto sulle prospettive dei terremotati.

Delrio: decideranno i singoli sindaci

Delrio in passato è stato sindaco di Reggio Emilia e presidente dell’Associazione dei Comuni Italiani. Per questo motivo si sente più vicino ai sindaci e conosce bene la loro posizione in merito. Il ministro ha affermato che l’obiettivo di un primo cittadino è sempre quello di ricostruire il suo paese dopo il terremoto, non di spostarlo altrove.

Delrio è consapevole che le sue dichiarazioni potrebbero attirare le polemiche delle opposizioni che hanno gestito il terremoto de L’Aquila del 2009 diversamente, proprio ricorrendo alle new town. Per smorzare sul nascere le strumentalizzazioni, Delrio ha precisato che:

Ogni terremoto ha la sua storia, non voglio giudicare le scelte fatte nel 2009 all’Aquila. Però stavolta a decidere saranno i sindaci. Il tema è ridurre al minimo la durata degli attendamenti e far ripartire subito i servizi, a cominciare dalle scuole: non dico fin dal primo giorno, ma subito dopo i bambini dei paesi colpiti dovranno tornare sui banchi.

Il piano per la ricostruzione comunque non sarà immediato. Ogni decisione verrà rimandata a dopo la fine dell’emergenza. Il tempo del dolore, dice ancora Delrio, non è finito.

Il ministro delle Infrastrutture ha poi affrontato anche la spinosa questione delle risorse per affrontare l’emergenza. Viste le circostanze eccezionali Delrio ha precisato che questo esborso resterà fuori dal conteggio dello sforamento del 3% del deficit come da regole europee. Non rientreranno invece in questa misura eccezionale gli interventi di messa in sicurezza nel resto del Paese. Si parla di fondi per 360 miliardi di euro al momento non disponibili nelle casse dello Stato. Delrio ha annunciato ulteriori sgravi fiscali in arrivo per chi effettuerà interventi di ristrutturazione antisismica.