Non è la prima volta che Casamicciola (Ischia) viene colpita da un violento terremoto. Nel luglio del 1883 una forte scossa di magnitudo 5.8 – durata 13 secondi – provocò più di 2.000 vittime tra i comuni Casamicciola (con 1.784 vittime) ma anche Lacco Ameno con 146 morti e Forio con 345. I feriti furono in totale 762. A Casamicciola crollarono buona parte delle abitazioni mentre tutte le altre rimasero danneggiate.

Un terremoto talmente forte e devastante che venne avvertito anche nell’isola di Procida, Pozzuoli e a Napoli. Tra le vittime del terremoto c’erano anche i genitori e la sorella del filosofo Benedetto Croce che, a sua volta, all’epoca giovanissimo, venne estratto vivo dai soccorritori poiché incastrato sotto le macerie.