Ha generato fitte polemiche internazionali una pratica da tempo consolidata in Indonesia, dove le aspiranti poliziotte sono forzatamente sottoposte a un test di verginità. Stando a quanto riporta l’associazione l’Human Rights Watch (HRW), le giovani sarebbero costrette a una dolorosa penetrazione con le dita, una metodica peraltro inutile per stabilire la preservazione dell’imene. Una pratica oltretutto immotivata, poiché alle donne non più vergini non viene comunque inibito l’accesso alle forze dell’ordine.

L’Indonesia ha deciso di puntare sul genere femminile per arricchire i corpi di polizia, per raggiungere la cifra di 400.000 agenti entro la fine dell’anno. Da anni le associazioni locali protestano per la rimozione di un esame considerato violento, doloroso e del tutto contrario ai diritti umani delle donne. E nonostante dal 2010 si promettano pronte leggi per l’abolizione, nulla ancora è stato fatto. HRW ha quindi optato per una campagna internazionale, affinché le pressioni portino a una rapida soluzione del problema.

Fonte: Guardian

Immagine: Shields and batons guard riot police via Shutterstock