Un caso su un milione, un parto trigemellare, tre neonati identici. E cosa ancora più rara due dei tre corpicini sono uniti all’altezza delle pelvi – c’era una possibilità su cinquanta milioni che i due eventi combinati potessero accadere. I loro genitori si chiamano Silvia Hernandez e Raul Torres (ed hanno già un figlio di tre anni, Raul), ed il lieto evento è accaduto in Texas, al Medical Center di Corpus Christi.

Le neonate si chiamano Catalina, Ximena e Scarlett – le ultime due sono anche siamesi -, pesano poco meno di due chili e sono venute alla luce dopo 34 settimane di gestazione. Nonostante la nascita prematura le tre sorelline sono in perfetta salute.

Nonostante le difficoltà, il padre ha dovuto lasciare il lavoro per prendersi cura della moglie – e ci sarà bisogno di una costosa operazione per separare le due sorelle siamesi quando avranno un’età compresa tra sei mesi ed un anno – l’operazione dovrebbe avvenire al Driscoll Children’s Hospital, sempre nella città di Corpus Christi -, il padre delle tre gemelle ha detto alla stampa di considerare il loro arrivo “come un dono di Dio. Dio ci ha scelti per una ragione, per prenderci cura di loro“.

La mamma invece ha raccontato su Facebook di aver pianto, perché pensava di dover fare del suo meglio “per dar loro la vita migliore possibile“, e perché “il medico ci ha detto che dovevamo capire e accettare che una volta nate, potevano morire“. Silvia Hernandez e Raul Torres hanno anche deciso di lanciare una raccolta di fondi online per fronteggiare le spese necessarie alle cure mediche delle due gemelline siamesi su gofund.me – noi abbiamo cercato sul sito la loro storia ma non l’abbiamo trovata.