Il disastro immane che ha colpito le Filippine in questi giorni, provocando oltre diecimila morti, crea apprensione anche in Italia. Infatti dodici persone nostre connazionali, presenti nell’arcipelago asiatico, attualmente mancano all’appello, dopo il disastro del tifone Haiyan.

Queste persone non si erano registrate sul sito predisposto dal ministero degli Esteri per facilitare i contatti in caso di emergenze (www.dovesiamonelmondo.it); i funzionari della Farnesina sono stati allertati direttamente dalle famiglie e ora sono in corso le ricerche. Non risultano comunque attualmente italiani tra le vittime del tifone (foto by InfoPhoto).

Intanto le Filippine sono alle prese con la gestione della catastrofe. Haiyan ha colpito un’area equivalente agli Stati Uniti. La comunità internazionale si sta muovendo per assistere la nazione asiatica. L’Unione europea ha sbloccato tre milioni di euro; il Regno unito ha annunciato che ne metterà a disposizione 7,2 milioni. Gli Stati Uniti hanno inviato 80 Marines. Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità, le persone colpite direttamente o indirettamente dall’emergenza sarebbero 9,5 milioni, di cui 4 bambini.