Sono arrivati questa mattina, alle 9:30, con il traghetto offerto dalla Tirrenia.

Si tratta di 56 lavoratori, ora manifestanti, che da Cagliari sono salpati verso Civitavecchia, con obietti Roma.

Una vera e propria ‘marcia su Roma’ è quella dei lavoratori sardi che si stanno impegnando con tutte le loro forze per difendere e cercare di salvare lo stabilimento sardo di alluminio che rappresenta il più importante in Italia.

A permettere ai lavoratori di raggiungere la terra ferma e poi Roma è stata la Tirrenia, acquistata dalla Cin, che si è presa carico di tutte le spese necessarie per il trasporto dei lavoratori, sia per quanto riguarda la nave, che per gli autobus che hanno portato i lavoratori da Portovesme a Cagliari e poi da Civitavecchia a Roma, e ritorno.

Si tratta di un gesto importante che dimostra attenzione da parte della compagnia e che è stato ben accolto dagli stessi manifestanti.

Anche se aiutati dai pullman messi gratuitamente a disposizione, i manifestanti fanno però sapere di voler raggiungere Roma a piedi, questo per rendere ancor più incisiva la loro protesta e per trasmettere agli italiani la disperazione di tutti quei lavoratori che ora sono a rischio.