Violento incidente quello avvenuto a Tolone, in Francia, dove due donne che stavano passeggiando insieme ai mariti e ai bambini sono stati aggrediti da un gruppetto di ragazzi.

Unica loro colpa sarebbe stata l’aver indossato un paio di pantaloncini corti: due ragazzi hanno infatti iniziato a insultarle con epiteti offensivi di ogni genere. A quel punto sono intervenuti i mariti e un amico che era con loro, rispondendo a tono ai ragazzi.

Sul luogo, la pista ciclabile nel Quartiere dei garofani, alla periferia orientale della città, sono poi arrivati i compagni dei ragazzi, circa una decina, i quali prima hanno spintonato le donne, facendole cadere a terra, e poi hanno colpito con violenza i tre uomini.

Uno tra questi, di 33 anni, si trova in ospedale con una prognosi di 30 giorni, mentre l’altro ha riportato una frattura al naso. Sotto shock i due figli di 10 e 14 anni.

Grazie alla denuncia delle donne e alle immagini catturate dalle videocamere di sorveglianza sono state fermati due dei responsabili, ragazzi di 17 e 19 anni, mentre la polizia è ancora alla ricerca degli altri. I due fermati apparterrebbero a un gruppo di giovani musulmani già noti alle forze dell’ordine.

Si è trattato di una provocazione a carattere sessuale per indurre una reazione negli uomini presenti”, ha affermato il procuratore di Tolone, Bernard Marcha, che conosce bene il tipo di incidenti.

Non si tratta infatti del primo incidente del genere a Tolone, dato che già a giugno una studentessa venne aggredita da sue coetanee sull’autobus proprio a causa dello stesso capo di vestiario. Venne in seguito organizzata una marcia di solidarietà e di protesta, denominata “Tutte in shorts”, alla quale si presentarono un centinaio di ragazze.

Marion-Maréchal Le Pen del Front Natioal ha subito commentato l’incidente alimentando la polemica e alzando i toni del dibattito, adducendo il tutto al pericolo di una penetrazione integralista di carattere islamista nella società: “A Tolone c’è già la sharia. Portare gli short vi può mandare in ospedale”.