Un uomo di 60 anni, licenziato un anno e mezzo fa perché malato di Parkinson, è stato riassunto dall’azienda di Torino dove lavorava. Il suo datore di lavoro aveva perso la causa in primo grado ma avrebbe preannunciato il ricorso in appello. Poi un colpo di scena: l’azienda decide di riassumerlo. 

Al Tribunale di Ivrea, infatti, è stato firmato l’accordo per il reintegro tra il dipendente e l’azienda che, poi, si sarebbe impegnata a garantirgli non solo il posto di lavoro ma anche un risarcimento e il pagamento delle spese legali.

“Grazie a tutti sono da oggi nuovamente lavoratore” ha detto il lavoratore. “Potrà svolgere un lavoro idoneo alle sue condizioni. Già domani potrà prendere servizio e farà un’attività da operaio che però non lo sottoponga a sforzi eccessivi ha concluso l’avvocata.