Terrore in Val di Susa. Un cadavere carbonizzato è stato rinvenuto questa notte all’interno di un’auto in fiamme a Sant’Antonino di Susa, in provincia di Torino. L’automobile, un’Audi A3, è stata completamente devastata dalle fiamme e sembra che la vittima sia rimasta intrappolata al suo interno per tutta la notte. Nelle ultime ore è stato reso noto che gli investigatori hanno trovato sulla scena un portafoglio con all’interno i documenti di Mauro Coletto, 51 anni, sposato e due figli, probabilmente la persona a cui è sarebbe l’Audi.

Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco per spegnere il rogo e i carabinieri, che dai primi accertamenti sembrano escludere si tratti di un incidente. Alcuni testimoni hanno riferito di aver visto qualcuno fuggire proprio mentre l’auto cominciava a bruciare. La scena, ad un primo esame, potrebbe sembrare un suicidio, anche se nelle prime ore dopo il ritrovamento non è stata esclusa alcuna ipotesi.

Le fiamme hanno distrutto ogni cosa, dagli interni dell’auto alla zona esterna. I carabinieri della Compagnia di Susa sono risaliti all’intestatario della Audi a partire dalla targa del mezzo, dando così il via alle ricerche del proprietario della macchina. Il medico legale che ha esaminato il cadavere non ha trovato lesioni o fratture sul cranico che facessero pensare a cause della morte diverse dalle fiamme.