Monumento simbolo di Parigi, la Torre Eiffel è una struttura costruita per l’Esposizione Universale del 1889.

Progettata per durare solo vent’anni, si erge ancora oggi in tutta la sua imponenza. In realtà, le ristrutturazioni effettuate nel corso degli anni ne hanno evitato il degrado. E il grandioso monumento, simbolo della Francia e della sua storia, è entrato di diritto nel programma di difesa dell’ambiente. Il suo primo piano verrà ristrutturato in chiave green con tanto di pannelli solari.

Il primo piano della torre, rivisto trent’anni fa, si riconferma sempre polo d’attrazione per milioni di visitatori, anche se ormai i suoi padiglioni e le aree pubbliche risalenti agli anni ’80 sono diventati obsoleti. Per questo motivo inizia il processo della sua riqualificazione, che comprende in particolare la ricostruzione della sala di ricevimento e della sala conferenze trasformandolo in uno dei luoghi più esclusivi di Parigi.

Sarà ricostruito anche il padiglione dei servizi per i visitatori, soprattutto ristoranti e boutique. Rientrano nel programma la progettazione di un tour divertente ed educativo del museo e la creazione di due spettacolari attrazioni che cercheranno in qualche modo di limitare il divario tra il monumento e la piazza antistante con un pavimento e delle balaustre completamente realizzate in vetro. Il rinnovamento green della Torre Eiffel mira a due obiettivi per un maggior sviluppo sostenibile del monumento: l’accessibilità e la riduzione dell’impatto ambientale.

La ristrutturazione permetterà a tutti i visitatori, anche ai disabili, di sfruttare tutto lo spazio e tutti i servizi disponibili. I nuovi standard di costruzione, basati sul solare termico, eolico, idroelettrico, raccolta delle acque piovane, illuminazione a Led, contribuiranno a migliorare le prestazioni energetiche della Torre.

Secondo quanto previsto dal progetto, il piano della Torre Eiffel sarà concepito quale un luogo urbano, con le sue strade, i suoi palazzi, la sua centralità nonostante i 57m di altezza, in grado di offrire una vista dall’alto di Parigi ma al tempo stesso non troppo distante da terra, considerata l’altezza della Torre.

In 18 mesi di lavoro, tra il 2012 e il 2013, sarà portato a termine un progetto di alta riqualificazione che ridarà al mondo un monumento ultracentenario vestito rigorosamente green. Questo grazie alla moderna architettura dagli obiettivi arditi pur tra i mille ostacoli che i tempi portano con sé.