Un nuovo naufragio ha coinvolto i migranti che puntavano ad avere un futuro migliore. I disperati morti al largo della Libia sono dieci, una trentina risulta dispersa, 55 sono state salvate da un mercantile di Singapore.

L’ennesima tragedia di migranti diretti verso le coste italiane poteva essere ancora peggiore se non fosse arrivata una richiesta di soccorso a Roma al Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto da un telefono satellitare.

Quando il mercantile con bandiera di Singapore, in transito nell’area, è arrivato sul punto della tragedia, l’equipaggio ha visto il barcone capovolto e molte persone in acqua.

La Guardia Costiera ha prontamente inviato un avviso a tutti i mercantili in navigazione nell’area con ordine di raggiungere la zona del naufragio ed è cominciato il recupero. I superstiti, una volta al salvo, hanno poi confermato che sul gommone vi erano un centinaio di migranti. Sono ora in corso le ricerche di almeno una trentina di dispersi ma le speranze di trovare in vita altre persone sono minime.

photo credit: luca280668 via photopin cc