Tragedia sfiorata questa mattina in provincia di Trapani, a Campobello di Mazara, dove un ex cinema in ristrutturazione è crollato all’improvviso. All’interno dell’Olimpia, struttura sita in viale del Risorgimento, erano presenti tre operai.

A provocare il crollo il cedimento di un muro perimetrale che ha coinvolto due degli operai intenti a lavorare nel cantiere edile: l’incidente è avvenuto intorno alle 8.30 di mattina. Grazie al pronto intervento dei Vigili del Fuoco e dei carabinieri la coppia di lavoratori, entrambi feriti, sono stati soccorsi ed estratti dalle macerie.

Fortunatamente i due, portati all’ospedale di Castelvetrano, non si troverebbero in pericolo di vita: Salvatore Mulè e Vincenzo Pasiniente, questo il nome dei due operai, hanno riportato un trauma cranico e fratture varie. Il terzo operaio coinvolto è stato testimone del crollo: dopo aver avuto cura di dare l’allarme ha avuto un malore, ed è stato ricoverato per il mancamento.

Sull’incidente indaga la Procura di Marsala, che ha disposto il sequestro del cantiere e ha avviato un’inchiesta affidata ai carabinieri del Comando locale.

Il locale era stato acquistato dal Comune nel 2009 per la cifra di 250mila euro ed erano poi stati avviati i lavori di ristrutturazione per un importo di circa un milione di euro: l’opera comprendeva la realizzazione di una platea da 194 posti e una gallerie da 74, più l’adeguamento sismico e strutturale e servizi e impianti a norma.