I bambini, soprattutto se in tenera età, hanno l’abitudine di mettere in bocca qualsiasi oggetto o cibo spesso incorrendo in incidenti gravi. Qualche giorno fa una famiglia di Suzzara, in provincia di Mantova, è stata protagonista di una vicenda del genere che purtroppo è finita in tragedia.

Erano appena tornati dalle vacanze e la mamma stava preparando la cena quando Michele Pozzi, il piccolo di casa di soli tre anni, è sfuggito alla sorveglianza dei genitori raggiungendo l’orto. Lì, senza essere visto dal resto della famiglia, ha infilato in bocca un pomodoro ciliegino che non è riuscito a masticare. Il pomodorino è inevitabilmente sceso nella trachea andandola ad ostruire. Notate le difficoltà respiratorie del bimbo, i genitori hanno cercato immediatamente di fargli espellere l’ortaggio, chiedendo aiuto anche ad un medico che abitava nelle vicinanze. Arrivata l’ambulanza, Michele è stato trasportato in fin di vita all’ospedale Poma di Mantova ma ogni tentativo di rianimazione è stato purtroppo inutile: il piccolo è deceduto poco dopo per arresto cardiocircolatorio causato da asfissia. Tutto il paese adesso non può essere che vicino al dolore della famiglia Pozzi, e intanto la procura ha dato il nulla osta per i funerali che si terranno sabato.