Sarebbero stati identificati gli autori del raid vandalico che nella giornata della domenica pasquale hanno devastato il treno Ventimiglia Torino dopo essere saliti a Finale Ligure.

Grazie alle immagini raccolte dalle telecamere di sicurezza gli agenti della Polfer sono riusciti a catturare nella stazione di Torino Porta Nuova un italiano maggiorenne e tre marocchini minorenni, facenti parti del più ampio gruppo di circa 60 persone.

I testimoni dell’increscioso avvenimento hanno riportato uno scenario infernale: all’interno del treno sarebbero stati divelti i sedili, mandati in frantumi i vetri e sarebbero state importunate delle ragazze che si trovavano sul convoglio.

I bagni sono stati trovati completamente insozzati di vomito, probabilmente anche a causa della grande quantità di droga e alcol che circolava sul vagone, che ha portato a comportamenti violenti che hanno coinvolto i 300 passeggeri che cercavano di tornare a casa dopo aver trascorso una giornata al mare.

Il treno infatti è arrivato con 90 minuti di ritardo a Porta Nuova dopo essere partito da Ventimiglia a causa dei disordini avvenuti nell’ottavo vagone. L’ora e mezza di fermo alla stazione di Cengio è stata necessaria per identificare i responsabili di due presunte violenze sessuali, mentre a Carmagnola il treno si è fermato a causa di qualcuno che ha tirato il freno a mano per scherzo.

Sulla vicenda stanno investigando la Polfer le procure di Torino per adulti e minorenni, oltre che la questura di Cuneo, tutte intente a identificare i vandali che sono riusciti a scappare.