Il 2012 per il turismo di Trieste si preannuncia un anno davvero importate. È stata infatti previsto il passaggio di 135.000 passeggeri che daranno un contributo attivo al mercato del turismo della città.

L’assessore alle Attività produttive, Federica Seganti, ha annunciato, nel corso di una conferenza stampa, che Trieste deve prepararsi ad accogliere ben 54 navi da crociera provenienti da tutto il mondo e appartenenti alle 7 compagnie diverse. Il loro passaggio è previsto tra il 7 aprile e il 24 novembre.

Si tratta di un record quasi storico, nel 2008 il porto della città ha accolto infatti 55 navi. Questo via vai è l’occasione giusta per poter riempire le casse cittadine.

C’è infatti da considerare che 60% della navi avrà Trieste come punto di arrivo/partenza, con un numero stimato di 95.000 passeggeri, mentre il 40% come porto di transito, con 40 mila passeggeri.

Considerando che mediamente un passeggero spende 110 euro nel porto di origine/destinazione e 60 euro in quello di transito, è ipotizzabile un ritorno economico stimabile intorno a 10.450.000 euro nel primo caso e 2.400.000 euro nel secondo, per un totale di 12.850.000 euro, in soli 7 mesi.