La storia di Emma Rando, 76 anni, e del marito Attilio Mion, 79 anni, è destinata inesorabilmente a commuovere e non solo nel loro paese, Zianigo (in provincia di Venezia). La prima a spegnersi è stata lei, Emma, stroncata da un malore mentre faceva colazione. Suo marito Attilio, dopo quasi sessant’anni di vita trascorsi assieme a lei, non avrebbe retto la morte della compagna e dopo il funerale ha avuto un malore ed è morto anche lui.

È così che il figlio Luca, in appena tre giorni, ha perso entrambi i genitori. A trovare Attilio sarebbe stato proprio lui: l’uomo si sarebbe sentito male mentre era in bagno ed è stato proprio lì che il figlio l’ha ritrovato riverso a terra. La coppia era molto conosciuta in zona perché attivamente impegnata nel volontariato per aiutare i disabili e perché molto cordiali e gentili. Entrambi in pensione, all’interno di un’associazione Emma era volontaria mentre Attilio svolgeva la mansione di autista.

La scomparsa di Attilio, a soli tre giorni di distanza dalla moglie, ha sorpreso tutti: l’uomo, almeno agli occhi delle altre persone, sembrava aver reagito bene alla morte della moglie ma a quanto l’apparenza avrebbe ingannato o forse la morte dell’uomo non sarebbe strettamente collegata a quella della moglie, anche se pare godesse di ottima salute. Di questo non si potrà mai avere certezza assoluta.