Nella rete fognaria di una metropoli può accumularsi davvero di tutto, tra rifiuti e scarti di ogni genere, ma a Londra mai ci si sarebbe aspettata un agglomerato di queste proporzioni.

In verità nelle fognature della capitale inglese periodicamente ci si è trovati a fare a conti con grossi ammassi di immondizia ma questa volta gli operai che se ne occupano sono rimasti a bocca aperta. Si tratta di un’enorme palla di grasso e rifiuti chiamata  in gergo ‘fatberg’ che letteralmente sta per ‘iceberg di grasso’: l’accumulo gigantesco è stato trovato nella zona di Whitechapel, pesa 130 tonnellate e si allunga per 250 metri alla profondità di tre metri e mezzo. Già quattro anni fa sempre a Londra era stata fatta una scoperta del genere ma di proporzioni molto minori: sotto il quartiere di Kingston era stata rimossa una palla di rifiuti che, però, pesava solo 15 tonnellate. Adesso il problema è molto più grosso e potrebbe essere dannoso per l’intero sistema fognario, tanto da provocare serie esondazioni. L’accumulo di grasso è formato da tutto ciò che viene gettato dai cittadini nei lavandini e nei bagni tra residui di cibo, salviette umidificate, unto e scarti di ogni genere. Per spaccare ed eliminare l’intero ‘fatberg’ occorreranno ben tre settimane in quanto il grasso si è solidificato diventando duro come cemento armato. Intanto, per quanto riguarda lo smaltimento, si sta pensando a poter riutilizzare questi blocchi per produrre biodiesel anche se la soluzione più urgente da adottare è sensibilizzare i cittadini sulla questione abituandoli a gettare i rifiuti nei cestini e non negli scarichi di lavandini e gabinetti.