È di pochissimi minuti fa la notizia che un barcone con a bordo almeno 70 migranti è stato speronato nelle acque territoriali della Tunisia, al largo della costa di Tunisi, da una nave da guerra.

La manovra adottata dall’imbarcazione battente bandiera tunisina ha provocato il rovesciamento del barcone, e conseguentemente un altissimo numero di morti, al momento ancora da definire.

Si tratta dell’ennesimo incidente, dopo che la Tunisia è stata scelta come nuova rotta prediletta dagli scafisti che si occupano di portare i migranti in Italia.

Solo ieri la Guardia nazionale aveva bloccato cinque giovani che stavano cercando di raggiungere le isole Kerkennah, e ancora prima altre 12 passeggeri di giovane età che stavano per partire a bordo di un’imbarcazione di fortuna dalle coste di Sidi Mansour.