Finalmente è stato trovato il responsabile della morte di Pamela Canzonieri, la turista italiana uccisa in Brasile, a Morro de Sao Paulo.

L’uomo, che era stato arrestato nella notte di ieri, si chiama Antonio Patricio dos Santos e ha confessato di essersi macchiato del delitto della 39enne ragusana dopo un lungo interrogatorio.

In base alle sue dichiarazioni l’omicida avrebbe assunto cocaina prima di incontrare la donna, e dunque non ricorderebbe i dettagli di quanto avvenuto.

L’uomo, conosciuto semplicemente come Fabricio, era già noto alle autorità per precedenti attività di traffico di stupefacenti, e sulla sua testa pendeva già un mandato di cattura spiccato dalla giurisdizione territoriale di Valenca.

L’assassino ha rivelato di aver incontrato Pamela per strada e di averla poi seguita fino a casa sua. Da quel momento i suoi ricordi diventerebbero però nebulosi. La polizia ha rivelato che dopo l’esperienza in carcere l’uomo sarebbe diventato più aggressivo, come appurato in fase di interrogatorio.

La Canzonieri era una frequentatrice abituale della località turistica, nella quale tornava ormai ogni anno da un lustro a questa parte. La polizia è stata allertata prima da una telefonata anonima e poi dagli amici, preoccupati della sua assenza. Nella sua abitazione non sono stati trovati segni di effrazione.

La Procura di Roma ha aperto un fascicolo sulla sua morte, ipotizzando il reato di omicidio volontario: si attendono i risultati dell’autopsia, ma sarebbe già nota la modalità dell’omicidio, avvenuto tramite strangolamento a mani nude.

La famiglia di Pamela non ha voluto commentare la notizia, per quanto si sia detta sollevata per la cattura dell’assassino: ”Vorrei ringraziare tutti, ma in questo momento siamo distrutti”, ha affermato la madre