Le parole sono importanti ha l’intento di riscoprire parole belle e poco conosciute, parole poco utilizzate nel nostro quotidiano e di cui ignoriamo il potenziale originale, parole, insomma, che ci permettono di arricchire di sfumature la tavolozza di colori che abbiamo a disposizione per comunicare.

TURLUPINARE: imbrogliare qualcuno in modo sottile, facendo leva sulla sua ingenuità. Ma anche scherzare sulle cose di religione, fare beffe di cattivo gusto.

Il termine ha origini francesi. Sotto lo pseudonimo di Turlupiner, infatti,  era conosciuto Henry le Grand (noto anche come Belleville), comico francese del 1600, attore di farse, famoso per le sue burle piene di ingegno e la sua abilità nel raggirare le persone. Dalle famose burle di Turlupin riceviamo, quindi, in eredità questa parola frizzante e di grande colore: il turlupinatore ha i connotati comici del furbastro che gabba gli ingenui, sempre in cerca di qualcuno da abbindolare.

Esempi:

“Ti sei fatto turlupinare”

“Ti hanno turlupinato: quest’orologio è una patacca!”

LEGGI ANCHE:

Il significato di “ginecocrazia”

Cosa si intende per “garrulo”?

Cos’è la metempsicosi?

Cosa vuol dire “sdilinquire”

Il significato di “imbolsire”

Cosa vuol dire “ossimoro”?

Tutti pronti a “baloccarsi”