L’estate 2012 verrà ricordata per le maxi stangate che hanno colpito le nostre tasche, che per la crisi che non dà tregue e per il caldo torrido provocato dai vari Lucifero e Caronte.

Se per colpa dei primi due gli italiani a giugno e luglio hanno disertato gli stabilimenti balneari e le vacanze, è proprio l’ultimo forse il responsabile del tutto esaurito registrato delle varie città sul mare ad agosto.

Secondo il SIB, sindacato italiano balneari, agosto è stato un mese decisamente positivo per le tasche di albergatori e proprietari di stabilimenti balneari, in alcune regioni, come Liguria, Toscana, Veneto ed Emilia Romagna, si è arrivati a registrare un aumento del 10% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso che va quindi a contro bilanciare i pessimi risultati ottenuti invece a giugno e luglio, che hanno registrato cali impressionanti, dal 5 al 40%.

Proprio questo caldo, che forse ci accompagnerà anche per tutto settembre, permetterà agli italiani di godersi qualche giorno di mare in più, sfruttando anche i prezzi più contentuti tipici della bassa stagione.