Ha 35 anni la donna che è stata arrestata per aver ucciso l’amante facendolo a pezzi. Poi, secondo l’accusa, si sarebbe servita dei suoi resti a un barbecue con parenti e amici. La protagonista di questa vicenda è una donna che sta scontando la pena dell’ergastolo per aver ucciso e fatto a pezzi Chris Regan, il suo amante, con la complicità del marito. Lo scorso mese è stata condannata ad altri 65 anni di carcere dopo aver confessato l’omicidio del consorte con una dose letale di eroina.

E non è finita qui: la donna potrebbe essere responsabile di altri omicidi, forse nove. Secondo gli investigatori, qualche anno fa la 35enne si sarebbe trasferita in Michigan con il marito poiché “le cose si stavano facendo difficili a casa” a causa della gelosia di lui scatenata dalle relazioni extraconiugali della serial killer. I due avrebbero persino fatto un patto durante la prima notte di nozze: in caso di infedeltà, avrebbero dovuto uccidere l’amante.

Chris Regan, l’amante della 35enne, è stato prima attirato nella sua casa per un presunto rapporto sessuale, poi ucciso dal marito di lei e infine fatto a pezzi con una sega elettrica. Dopo aver scaricato i resti nei boschi, avrebbero usato una parte del suo corpo da offrire a ignari amici durante un barbecue.