Omicidio in pieno centro a Roma questa mattina. A compierlo un uomo di 55 anni, dirigente del Banco Popolare, che avrebbe ucciso la compagna fracassandole il cranio all’interno di un’abitazione in vicolo del Babuino. La vittima è una donna di 47 anni, insegnante in una scuola della Capitale, che sarebbe stata uccisa per motivi di gelosia.

Sarebbe stato lo stesso presunto assassino ad aver confessato l’omicidio, recandosi presso una vicina caserma dei carabinieri per confessare e per rivelare dove si trovasse il cadavere della vittima. Probabilmente la donna è stata colpita mentre dormiva o al culmine dell’ennesimo litigio tra i due: i carabinieri l’hanno ritrovata sul letto, in una pozza di sangue.

Secondo il racconto dei vicini, la coppia litigava spesso: a quanto pare lei si era decisa a lasciarlo quando ha capito che il rapporto non funzionava più come avrebbe dovuto. L’uomo soffrirebbe anche di depressione. Entrambi hanno figli avuto da precedenti relazioni. Ad indagare su quanto accaduto, adesso, sarà il Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Roma, che sta effettuando tutti i rilievi all’interno dell’abitazione a pochi passi da piazza di Spagna.