Ennesimo episodio di violenza sulle donne: Paolo Piraccini, imprenditore – è proprietario di una pizzeria d’asporto – di 56 anni abitante in Via Cefalonia a Brescia ha ucciso intorno alle 22.30 la moglie - lei era di un anno più giovane e si chiamava Marinella Pellegrini - a coltellate al culmine di un litigio sentito anche dai vicini.

L’uomo poi avrebbe chiamato il cognato confessandogli l’omicidio e l’intenzione di farla finita. Quest’ultimo avrebbe avvertito immediatamente i carabinieri. Paolo Piraccini in seguito è uscito di casa in auto e dopo avere vagato per circa un’ora in zona ha imboccato l’autostrada A4 al casello di Ospitaletto dirigendosi verso Venezia contromano.

La sua folle corsa è terminata con uno schianto – con ogni probabilità volontario – contro un mezzo pesante che lo ha ucciso. Il conducente del Tir è stato soccorso e portato sotto shock all’ospedale: se la caverà con una prognosi di 10 giorni.

La coppia non aveva figli e secondo le prime ricostruzioni fatte dagli inquirenti non avrebbe avuto particolari problemi. Le indagini sul caso sono coordinate dal pubblico ministero Roberta Amadeo.

LEGGI ANCHE
Donna incinta bruciata viva dal compagno
Massacro Motta Visconti, ergastolo per il marito, ha ucciso moglie e figli
Violenza sulle donne: Nord e Sud non fanno distinzione
Giornata Mondiale contro la violenza sulle donne: per dire “Basta!” una volta per tutte