Nuova giornata di fuoco in Ucraina. A Donetsk un colpo di artiglieria dell’esercito ucraino ha colpito una stazione degli autobus, provocando almeno 3 morti e diversi feriti. Ancora più pesante il bilancio dei bombardamenti su Kramatorsk, città in mano ai militari ucraini. Questa volta a colpire sono stati i razzi dei separatisti, causando almeno 15 morti e 64 feriti in 5 minuti. Obama, dopo quest’ennesima strage, ha telefonato a Putin, ribadendo il suo appoggio a Kiev e minacciando nuove sanzioni.

Oggi in Europa si gioca una partita importante per riportare la pace tra le forze filorusse, asserragliate a Donetsk, e il governo centrale. A Minsk, in Bielorussia, tutto è pronto per il vertice tra Putin, Poroshenko, Merkel e Hollande. Un summit decisivo anche per stemperare la tensione tra la Russia, che appoggia l’autoproclamata Repubblica popolare di Donetsk, e l’Occidente, schierato dalla parte di Kiev e fermamente intenzionato a frenare le mire espansionistiche russe, anche con l’invio di armi se necessario.

Il presidente francese François Hollande e la cancelliera tedesca Angela Merkel nelle ultime ore hanno dichiarato che faranno tutto il possibile per scongiurare l’inasprirsi del conflitto e trovare una soluzione diplomatica alla crisi ucraina. I due leader europei hanno fatto il punto della situazione in una rapida telefonata. Il summit a Minsk si svolgerà nel tardo pomeriggio.

Le parole di Putin, apparse sul sito del Cremlino, non sembrano però molto concilianti:

È garantito che la Federazione russa, qualunque pressione riceva, continuerà a perseguire una politica estera indipendente, a sostenere gli interessi fondamentali della sua gente e in linea con la sicurezza e la stabilità globale.

Intanto anche la Gran Bretagna lancia un monito alla Russia, riservandosi il diritto di rivedere la sua posizione. Il ministro degli Esteri Philip Hammond ha infatti dichiarato che potrebbe fornire armi a Kiev:

Non permetteremo il collasso dell’esercito ucraino. Ogni Paese della Nato deve prendere la sua decisione a livello nazionale.