L’accordo fra Unicoop Tirreno e sindacati sembra ormai alle porte, dopo un’ipotesi sottoscritta nella notte fra il 9 e il 10 maggio.

La Fisacat Cisl di Grosseto annuncia il suo compiacimento per il risultato ottenuto con la sottoscrizione unitaria dell’ipotesi di accordo, grazie alla quale si potranno mantenere 600 lavoratori che rischiavano di perdere il loro posto, come annunciato il 14 gennaio dalla Cooperativa. “La Cooperativa – si legge sul comunicato pubblicato dalla società – utilizzerà tutti i sistemi disponibili per attutire l’impatto della necessaria ristrutturazione, in particolare ricorrendo ai contratti di solidarietà per la rete di vendita e alla cassa integrazione straordinaria per la sede di Vignale”.

“Si è raggiunto un risultato importante. – spiega Piero Canova, direttore generale di Unicoop Tirreno - Abbiamo sempre detto che la strada negoziale era per noi quella maestra, per creare le condizioni del risanamento e del rilancio della Cooperativa. Il prossimo traguardo è raggiungere i risultati economici che sono stati indicati nel piano industriale”.

Ora la palla passa nelle mani delle assemblee dei lavoratori a cui spetta l’ultima parola nell’approvazione o meno dell’accordo.