Roma è pronta ad accogliere i 27 capi di stato dei paesi membri dell’Ue in occasione del sessantesimo anniversario dei Trattati. Oggi, infatti, saranno chiamati a firmare la dichiarazione di Roma in una Capitale “blindatissima” con 5mila agenti, quattro cortei e due sit-in con il pericolo terrorismo e black bloc. L’appuntamento è per le 10 in Campidoglio, per la commemorazione solenne dei Trattati e per la firma della Dichiarazione di Roma (che servirà a favorire l’integrazione europea nei prossimi 10 anni, ndr), poi in Quirinale dove i 27 capi di stato europei – alle 13.30 – verranno ricevuti dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Roma, 007 al lavoro contro i terroristi

Gli 007 italiani in queste ore sono già al lavoro per monitorare social network e comunicazioni telefoniche cellulari al fine di evitare infiltrazioni da parte di terroristi. Resta il problema dei violenti nei cortei per cui – come vi abbiamo documentato – sono già stati dati 7 fogli di via nei confronti di giovani appartenenti ad alcuni centri sociali, già noti alle forze di polizia. Si temono scontri e disordini a Roma.

Roma, 1.200 giornalisti accreditati

Intanto in Campidoglio arriveranno a breve 30 delegazioni tra leader e capi delle istituzioni europee; 1.200 i giornalisti, da tutto il mondo, accreditati per festeggiare a Roma i 60 anni dell’Unione Europea.