Il Movimento 5 Stelle ha sferrato un duro attacco al Pd sul fronte delle unioni civili, accusando il governo Renzi di trascurare l’approvazione del provvedimento legislativo. I pentastellati criticano lo slittamento della calendarizzazione in Aula del ddl Cirinnà.

Critica anche Sel che accusa il PD di non voler votare le unioni civili. Il PD si difende dalle accuse tramite il capogruppo dem Luigi Zanda:

Non sono d’accordo a che un tema così delicato sia usato strumentalmente solo per aumentare l’ostruzionismo che è già alto. Queste urla confermano che di ostruzionismo si tratta, ha detto Zanda commentando la bagarre in Aula.

Zanda ha poi assicurato che non appena terminerà l’esame delle riforme, le unioni civili verrano calendarizzate dai capigruppo come previsto. Le parole dell’esponente democratico non sono riuscite a placare l’ira del Movimento 5 Stelle che respinge al mittente le accuse di ostruzionismo. Il pentastellato Giancarlo Castaldi ha replicato seccamente alle dichiarazioni di Zanda:

Ma quale ostruzionismo: noi siamo gli unici ad aver presentato solo 200 emendamenti e tutti di merito e sui contenuti.

Anche Sel è sul piede di guerra e definisce vergognose certe interviste che attribuiscono la colpa dello slittamento della calendarizzazione del ddl Cirinnà agli emendamenti delle opposizioni.

La delusione per lo slittamento della discussione sulle unioni civili è palpabile nelle stesse fila dei democratici. La relatrice del ddl Monica Cirinnà non ha nascosto la sua delusione così come diversi senatori dem che speravano l’esecutivo mantenesse la promessa di approvare le unioni civili entro la fine dell’anno.

Iter del ddl sulle unioni civili ostacolato da mille emendamenti

L’iter del ddl Cirinnà si fa sempre più tortuoso. Il provvedimento sulle unioni civili è ostacolato da mille emendamenti tra cui quello dell’Ap che introduce la pena di 4 anni di reclusione per l’utero in affitto. Ma non è ancora detta l’ultima parola: se l’inizio della sessione di bilancio programmato per il 15 ottobre slittasse di qualche giorno ci sarebbe ancora spazio per calendarizzare il ddl sulle unioni civili.