L’uragano Matthew ha già raggiunto le coste orientali degli Stati Uniti ed è passato da categoria 4 a categoria 3. Intanto sono un milione le abitazioni senza energia elettrica e oltre 900 le vittime ad Haiti, duramente colpita da questa catastrofe naturale. Il presidente degli States Barack Obama ha invitato i cittadini della Florida ad evacuare la proprie abitazioni poiché l’uragano “potrebbe rafforzarsi improvvisamente” ed avere conseguenze disastrose: “C’è grande preoccupazione, bisogna procedere alle evacuazioni” ha continuato a ripetere. Intanto è stato dichiarato lo stato d’emergenza nel North Carolina.

Uragano, evacuate abitazioni in Florida

Secondo quanto riferito da “La Stampa”, ci sarebbe apprensione per tre italiani che si trovavano ad Haiti. Secondo i media locali, invece, una persona sarebbe morta a causa della caduta di un albero mentre una donna è deceduta per un attacco cardiaco. Senza elettricità ci sarebbe il 10% dei cittadini della Florida con oltre un milione di utenze senza luce. Disponibile carburante per altri cinque giorni, 145 i rifugi aperti in tutto lo Stato. Cancellati i voli degli aeroporti di Orlando e Jacksonville; riaperti gli scali di Miami e Fort Lauderdale.

Uragano, è stato d’emergenza

L’uragano, adesso, è atteso nel North e South Carolina al punto che il governatore ha attivato mille effettivi della Guardia nazionale e ne ha allertati altri mille in caso di emergenza. La Guardia Costiera, invece, ha chiuso i porti di Savannah e Brunswik. La governatrice della South Carolina, infine, ha fatto evacuare 106 centri medici attivando 2mila effettivi del corpo.

Uragano, gli aiuti dell’Ue

Solidarietà è stata espressa da Papa Francesco mentre la Commissione Ue, dopo aver stanziato 225mila euro, ha sbloccato altri 1,5 milioni di aiuti per fronteggiare l’emergenza di Haiti, colpita duramente dall’uragano Matthew.