Antonio Martin, un giovane ragazzo nero di 18 anni è stato ucciso a colpi di pistola da un agente della polizia di St. Louis, nel Missouri. L’omicidio sarebbe avvenuto poco dopo l’una di questa mattina davanti ad un distributore di benzina, proprio a pochi chilometri da Ferguson, luogo in cui Mike Brown, altro ragazzo di colore, venne ucciso da un agente quest’estate. Negli ultimi mesi, infatti, sono stati molti i casi di ragazzi di colore uccisi dalla polizia, tra cui anche un bambino, ferito a morte perché impugnava una pistola giocattolo.

La giovane vittima si trovava in una stazione di benzina nel sobborgo di Berkeley e, secondo quanto dichiarato da alcuni testimoni, era completamente disarmata. Versione che non coincide con i verbali stesi dagli agenti che hanno invece dichiarato di aver trovato un’arma. Nella notte sono state fermate almeno tre persone che, dopo l’accaduto, si sono riunite a protestare per la morte del 18enne, così come riferito dal St. Louis Post-Dispatch. Sarebbero stati molti, infatti, i manifestanti, in gran parte afroamericani, che hanno continuato ad arrivare al distributore di benzina dove è morto il ragazzo, luogo costantemente presidiato da agenti in tenuta anti-sommossa.

L’amico di Martin, presente al momento dell’uccisione, avrebbe dichiarato all’Huffington Post che lui e Antonio sarebbero stati fermati dai poliziotti perché il profilo del 18enne corrispondeva a quello di un rapinatore che aveva da poco svaligiato un negozio, vicino alla stazione di benzina. Gli agenti hanno chiesto ad entrambi di non fare opposizione ed eseguire i loro ordini. Martin ha però rifiutato di essere ispezionato e di stendersi per terra come invece ha fatto l’amico; così uno degli uomini in divisa gli ha puntato contro la pistola. “Quando io mi stavo rialzando per aiutare Antonio – ha dichiarato il ragazzo – lui mi ha gridato di stare fermo, puntandoci sempre la sua arma contro”. Secondo la testimonianza della madre di Martin, invece, che ha effettuato il riconoscimento del corpo, il figlio era uscito con la fidanzata e si trovava con lei.

Foto InfoPhoto