I tempi cambiano. A quasi 12 anni dall’attentato terroristico delle Torri Gemelle e con un Osama Bin Laden ormai morto e sepolto, qualcosa comincia a cambiare. A partire dalle normative di sicurezza sui voli di linea americani, le cui maglie sono state strette da quell’11 settembre 2001 che ha segnato la storia degli Stati Uniti e del mondo. Per la prima volta da allora, il 25 aprile, i passeggeri dei voli interni americani potranno portare con sé piccoli coltelli (non oltre i 6 cm), mazze da golf, hockey e per il baseball di strada.

L’annuncio è arrivato dalla Transportation Security Administration (TSA), l’autorità statunitense in materia di sicurezza dei trasporti, per bocca del suo responsabile, John Pistole. Le nuove disposizioni permetteranno di velocizzare le procedure di controllo ai check-in negli aeroporti e diminuire l’attesa per i passeggeri in fila. “Le vere minacce – ha detto Pistole al “Time” – sono le bombe non metalliche, non coltellini o equipaggiamento sportivo”.

Sugli aerei verranno riammessi anche stecche da biliardo e racchette da sci. Restano vietati taglierini e lamette, utilizzati dagli attentatori suicidi dell’11 settembre. La nuova normativa non è piaciuta ai sindacati degli assistenti di volo, secondo i quali “si facilita la vita per il personale di controllo a terra, non si rendono però più sicuri i tragitti”. Steward e hostess, oltre che i passeggeri, sono infatti quelli più a rischio, rispetto ai piloti chiusi nelle cabine di bordo.

photo credit: spettacolopuro via photopin cc