A poche settimane dalla foto che ha sconvolto gli Usa, in cui due genitori dell’Ohio sono ritratti in overdose mentre, impotente, sul sedile posteriori dell’auto siede il figlioletto di soli 4 anni, ecco che dal Massachusetts giunge un’ analoga storia.

Protagonista della vicenda è questa volta una trentaseienne di Lawrence, caduta priva di sensi, a causa di una probabile overdose di eroina, nel supermercato in cui si era recata con la figlioletta di soli due anni. L’ accaduto è stato ripreso dalle telecamere di sorveglianza dal negozio ed ora la triste storia sta facendo il giro del mondo. Commuoventi i tentativi della piccola di rianimare la madre con ogni mezzo: le prende la mano, la scuote, le muove il viso, le gira attorno cercando di capire cosa sia successo e intanto piange e chiama il suo nome. Fortunatamente un altro cliente del negozio si accorge di lei e chiama il pronto intervento. La giovane mamma viene salvata dai paramedici che, intervenuti sul posto, le somministrano due dosi di Narcan, un farmaco per stati di overdose. La donna verrà in seguito trasportata in ospedale e la piccola condotta in un luogo sicuro.

Il capo della polizia locale, James Fitzpatrick, ha riferito che è stata aperta un’ inchiesta e di aver formulato accuse ufficiali contro la donna. Una volta dimessa, è stata infatti ascoltata dagli inquirenti e trovata in possesso di sostanze stupefacenti. Benché abbia scampato l’arresto, il caso è stato segnalato al Dipartimento dei Minori, come da prassi, in Usa, quando un minore viene messo in condizioni di pericolo.

Si attendono ora gli esiti dell’ indagine, ma con tutta probabilità la piccola sarà tolta, almeno temporaneamente, alle cure di una madre evidentemente impossibilitata a prendersi cura di lei. Le immagini di quei momenti concitati e la disperazione di quella bambina, costretta ad assistere all’overdose della madre, stanno intanto facendo il giro del mondo.