Citofonano alle porte presentandosi come ispettori dell’Agenzia delle Entrate, poi, una volta entrati dentro casa si scopre che in realtà sono agenti inviati dalla Rai per stipulare un contratto nuovo pagando il Canone.

Questo, almeno, è quello che è accaduto a Varese anche se Federconsumatori spiega che potrebbe essere un comportamento che può verificarsi in tutta Italia.

L’associazione consumatori chiarisce che chi citofona non è un dipendente del Fisco: “questi finti ispettori sono dei privati cittadini, dei procacciatori di contratti per la precisione, gli stessi ingaggiati ad esempio dagli operatori telefonici – dichiara Francesco De Lorenzo della Federconsumatori – Presentandosi come incaricati delle Agenzie delle Entrate agiscono sul filo dell’illegalità”. Il tutto per tentare di stanare gli evasori seriali della tanto odiata tassa.

Da quello che emerso sembra proprio che la tv di Stato si sia affidata ad una agenzia per mandare a casa dei cittadini i “procacciatori di contratti” che si spacciano per dipendenti dell’Agenzia delle Entrate. De Lorenzo avverte: “non sono dei pubblici ufficiali e non hanno nessun tesserino di riconoscimento. Quindi i cittadini che ricevono la loro visita non sono tenuti a farli entrare in casa”. Rai, di tutto e di più…per far cassa.