I personaggi famosi sanno incassare meno le sconfitte rispetto agli artisti in erba.

Dopo le lamentele di Iacchetti, Vasco si sfoga sulla sua pagina di Facebook: “Dato che non avevo dato a red il permesso di farvi sentire in anteprima la canzone di patty ptravo…..corro a pubblicarvela anche io su fb. Avrei voluto farlo per primo e non in questo modo. Ma….dagli amici mi guardi dio che dai nemici mi guardo io. Del resto chi può darti una coltellata a tradimento ridendoti in faccia? Ma la NOTIZIONA è un’altra. E ve la do io in ante prima. Siamo stati bocciati alla selezione di Sanremo. Non è stata nemmeno ascoltata la canzone che già la giuria aveva decretato che per quest’anno bastava Celentano. Bè….la canzone e la Divina….sopravviveranno”.

Ed è subito una pioggia di commenti e like dei suoi fan che difendono il loro beniamino.

Tra il fastidio nei confronti di Red Ronnie, che ha pubblicato la canzone di Vasco per la Pravo senza il permesso del cantante (registrando un boom d’ascolti imprevedibile), e la rabbia verso Sanremo, resta la musica.

Per fortuna i nuovi media ci permettono di ascoltare i brani esclusi, a chi serve quindi Sanremo?

E dopo le polemiche sui raccomandati, sulle ingiustizie, sul cachet di Celentano, Papaleo ci tiene a sottolineare che, per il Festival di Sanremo, “c’è una macchina formidabile che permette tutto questo”.

Intanto un giornalista, in conferenza stampa, chiede “siete sicuri che Celentano venga?”.

Non resta che aspettare per scoprirlo.