Spunta un nuovo indizio sul mistero dell’aereo scomparso a Los Roques, scomparso il 4 gennaio scorso a pochi chilometri dall’arcipelago venezuelano con 4 italiani a bordo. L’ambasciata italiana in Venezuela, grazie a una traccia radar militare, ha comunicato di aver identificato il punto in cui il velivolo avrebbe improvvisamente perso quota.

”E’ una zona in cui i fondali arrivano fino a 2.000 metri, considerati troppi per le strumentazioni momentaneamente disponibili” spiega il comunicato della rappresentanza d’Italia che poi all’Ansa precisa: “Le autorità venezuelane e quelle italiane si stanno accordando per un proseguimento delle ricerche oltre i previsti otto giorni, concentrando le risorse in un’area definita e utilizzando i mezzi che siano maggiormente utili”.

Le ricerche continuano ma l’ipotesi sequestro non viene esclusa. Intanto un altro Cesna è atterrato d’emergenza su una spiaggia dell’arcipelago di Los Roques.

photo credit: Xyrenita via photopin cc

LINK UTILI:

Venezuela aereo scomparso: a bordo 4 italiani, tra loro Vittorio Missoni e la moglie

 Venezuela aereo scomparso: trovato un corpo in mare ma non è Missoni

Venezuela aereo scomparso: spunta un testimone, “l’ho visto in picchiata verso il mare”