Avete mai chiesto venia? No? Siete sicuri? Perché probabilmente lo avete fatto decine di volte senza neppure saperlo! Tanti, invece, dovrebbero necessariamente imparare a farlo…

VENIA: Perdono, remissione di colpa o di mancanza (e s’intende di solito leggera). Si può chiederedomandareconcedereottenere venia. È una parola di uso letterario, abbastanza comune però nelle espressioni per lo più scherzose che bene contrasta con una certa solennità del vetusto vocabolo, chiedo venia, chiedo perdono, chiedo scusa (come inciso, e quindi limitata a questa forma). Può essere un modo più cortese, per certi versi aulico, ma estremamente elegante.

Ecco qualche esempio:

“Non son degno di te, ma son degno perlomeno di venia”

“Domando venia signorina, mi lascerebbe il suo numero di cellulare?”

LINK CORRELATI:

Cosa vuol dire “ossimoro”?

Tutti pronti a “baloccarsi”

Quando un vocabolo è palindromo

Scopri il significato di “idiosincrasia”

Cosa vuol dire “dovizia”?

Alla riscoperta dell’aggettivo “adamitico”