Ore di paura si sono vissute questa mattina a Ventimiglia. La città, già messa a dura prova da settimane per il caos migranti bloccati alla frontiera con la Francia, è stata allertata per alcune ore a causa di un allarme bomba. Per fortuna alla fine le autorità hanno scoperto che l’allarme era infondato.

Allarme bomba a Ventimiglia: scattano le evacuazioni

Questa mattina, intorno alle ore 10:00, durante una normale giornata lavorativa gli agenti in borghese si sono aggirati tra i vari esercizi commerciali nei quali potevano esserci assembramenti di persone per invitare, con calma, a evacuare l’area. Sono stati sgombrati il mercato di frutta e verdura, un centinaio di bancarelle nelle vicinanze della spiaggia e due istituti di credito. Nel corso dei controlli gli artificieri hanno bonificato un’area di 300 metri intorno al mercato cittadino, che sarebbe potuta essere il possibile obiettivo degli attentatori. In particolare è stato evacuato corso Repubblica tra via Roma e via Cavour.

Dopo due ore di ricerche, però, le forze dell’ordine composte da circa 70 persone tra carabinieri del nucleo investigativo, squadra mobile e Digos, non avendo notato movimenti anomali e pacchi sospetti hanno decretato la fine dell’allarme. Secondo le prime informazioni fornite dagli inquirenti, l’allarme non è scaturito da potenziali attentati da parte di jihadisti. Le minacce intercettate dagli inquirenti che hanno fatto scattare i controlli riguardavano infatti dei cittadini italiani che avevano avuto dei problemi con le banche e meditavano qualche azione eclatante. Pare che tutto sia scattato in seguito a una telefonata anonima di una persona che, con voce contraffatta, affermava:

prima o poi pagherete tutti.

Adesso le forze dell’ordine sono impegnate da un lato a ripristinare la normale viabilità in città, e dall’altro a risalire al numero telefonico dal quale è partito l’allarme bomba. Gli inquirenti lavoreranno sulle intercettazioni telefoniche anche per capire se si è trattato solo di millantatori o se si stia preparando davvero un attentato.