Mosaici in marmo, ottone e perspex. Un luogo di incontro tra passato e futuro: pavimenti in mosaico ispirati alle chiese bizantine del IX secolo, in contrasto con le pareti in perspex e i ripiani che sembrano fluttuare.

Questo e molto altro ci porta nel mondo Versace ad Hong Kong.

La maison tra le portabandiera della moda italiana nel mondo ha aperto a Hong Kong Kowloon un nuovo flagship, lo store più ampio dell’Asia ed il secondo ad Hong Kong ad esprimere il concept pensato da Donatella Versace in collaborazione con l’architetto inglese Jamie Fobert.

Il negozio che si sviluppa su un’area di 732 metri quadrati, fonde sapientemente opulenza e tradizione architettonica italiana.

Oltre alle collezioni, sarà presente un corner interamente dedicato ai gioielli Versace interamente fatti a mano e caratterizzati da pietre preziose e agli orologi fortemente iconici che riprendono gli emblemi della Maison come il Vanitas e il Signature.

Per celebrare l’apertura del più ampio flagship in Asia, il direttore creativo Donatella Versace ha disegnato una limited edition dell’iconica Signature bag in due varianti uniche, solo 60 pezzi presenti nella nuova boutique.

Lusso e glamour interpretati in modo artigianale per una Signature Bag che sarà disponibile nei colori bianco e nero, in vitello per la versione con le catene e in nappa per la versione trapuntata. Ogni pezzo di questa special edition avrà una detachable leather tag con inciso in oro Versace for Hong Kong_Limited Edition.

«Il nuovo concept Versace è un omaggio al grande patrimonio culturale italiano. Con questo progetto Jamie Fobert ha creato uno spazio dove nasce il nuovo spirito Versace. Per me la boutique è come un dialogo ininterrotto tra il nostro passato e il nostro futuro, tra me e Jamie Fobert e ovviamente tra Versace e i nostri clienti» afferma Donatella Versace.

Segui Valentina su Lookdarifare 

Leggi anche:

Milano Moda Uomo 2014: gli esploratori di Andrea Incontri