Versace ritorna a Istanbul, la porta d’Oriente.

Dopo essere stata una delle prime griffe di lusso ad approdare in territorio turco negli anni 90, apre a Istanbul una nuova boutique, la prima in Turchia ad esprimere il concept pensato da Donatella Versace in collaborazione con l’architetto inglese Jamie Fobert.

Il negozio che si sviluppa su un’area di 253 metri quadrati, fonde sapientemente opulenza e tradizione architettonica italiana con il dinamismo e l’energia Versace di oggi.

Mosaici in marmo, ottone e perspex danno vita ad un ambiente lussuoso e contemporaneo dove presentare le collezioni Versace prêt-à-porter e accessori uomo e donna.

Luogo di incontro tra passato e futuro, la boutique presenta pavimenti in mosaico ispirati alle chiese bizantine del IX secolo, in contrasto con le pareti in perspex e i ripiani che sembrano fluttuare. Il tracciato circolare dei pavimenti a mosaico riprende il movimento delle pareti.

L’ottone è il protagonista delle parti in metallo e conferma l’atmosfera di estremo lusso della boutique.

«Il nuovo concept Versace è un omaggio al grande patrimonio culturale italiano. Con questo progetto Jamie Fobert ha creato uno spazio dove nasce il nuovo spirito Versace. Per me la boutique è come un dialogo ininterrotto tra il nostro passato e il nostro futuro, tra me e Jamie Fobert e ovviamente tra Versace e i nostri clienti» afferma Donatella Versace.

Segui Valentina anche su Lookdarifare

Leggi anche: 

Cover Genny limited edition 

Andrea Morelli inaugura a Barcellona