Un altro pezzettino del Made in Italy passa in mani straniere (Krizia ha recentemente venduto ai cinesi): è di poche ore fa la notizia che Versace ha venduto il 20% del suo capitale all’americana Blackstone con un’operazione che valorizza l’intera azienda di circa 1,1 miliardi di euro. La società finanziaria statunitense la spunta così su Investcorp, fondo mediorientale in passato già azionista di Tiffany e Gucci.

Una fonte vicina alla trattativa ha spiegato che gli americani hanno avuto una preferenza dovuta alla maggiore presenza sul territorio globale e alla relativa potenza immobiliare, caratteristiche che lo rendono adatto al principale obiettivo della Medusa: puntare all’espansione del retail diretto in territori europei come Germania e Spagna, ma anche a livello intercontinentale, in Cina, Corea del Sud e Giappone dove il gruppo milanese non vanta ancora una forte presenza.

Donatella Versace, direttore creativo, ha così commentato l’operazione: “Sono molto lieta di lavorare con Blackstone e in particolare con Stephen Schwarzman (ceo e cofondatore del fondo Usa, ndr), di cui ammiro i risultati e che condivide la visione della famiglia sullo sviluppo di Versace. Abbiamo raggiunto un posizionamento forte e unico nell’abbigliamento di lusso e credo che questo investimento nella società, assieme alla nostra direzione sicura e al nostro eccezionale team di gestione ci permetterà di raggiungere il potenziale di Versace”.

(Foto by InfoPhoto)