Prosegue l’ondata di licenziamenti a seguito dell’inchiesta sull’assenteismo al Comune di Sanremo culminata in un blitz della Guardia di Finanza il 22 ottobre 2015. Gli accertamenti hanno rivelato che ben la metà del personale comunale si assentava abitualmente dal lavoro. I dipendenti assenteisti, accusati di interruzione di pubblico servizio e truffa ai danni dello Stato, sono stati chiamati a chiarire la loro posizione davanti all’autorità giudiziaria mentre anche il Comune è corso ai ripari per tutelarsi e placare l’indignazione dei cittadini.

Nei giorni scorsi a perdere il posto di lavoro è stato Alberto Muraglia, il vigile assenteista che aveva scandalizzato l’opinione pubblica per via della sua abitudine di andare a timbrare il cartellino in mutande prima di tornare a dormire. Un’abitudine ben documentata dalle telecamere comunali e confermata dalla stessa moglie dell’uomo che ha rivelato:

A volte si ricordava del cartellino solo dopo essere rientrato a casa ed essersi già messo in libertà.

Il 53enne in un primo momento era stato posto agli arresti domiciliari. La misura cautelare era poi stata revocata e il vigile era stato interdetto per 10 mesi dai pubblici uffici. Dopo gli opportuni accertamenti il sindaco ha deciso di licenziare il vigile. L’uomo è indagato dalla procura di Imperia anche per falso ideologico per aver comminato decine di multe per divieto di sosta durante le prime ore del mattino mentre non era ancora entrato in servizio. Sotto inchiesta è finito anche il figlio del vigile, un operaio di una ditta di rimozioni forzate che collaborava con il Comune di Sanremo.

Oltre al vigile la lettera di licenziamento è stata recapitata a due messi notificatori e a un operaio. Altre quattro lettere di licenziamento erano già state consegnate nei giorni scorsi. Il sindaco di Sanremo Alberto Biancheri ha spiegato che sono in arrivo altri licenziamenti. L’inchiesta sull’assenteismo al Comune di Sanremo, ribattezzata Stachanov, vede coinvolte in tutto 195 persone. Le persone finite in manette a ottobre sono 35.