La 41enne texana Cindy Stowell aveva fatto di tutto per partecipare a “Jeopardy!“, il più famoso programma a quiz degli Stati Uniti a cui si è ispirato l’italiano “Rischiatutto”, ma purtroppo il cancro l’ha sconfitta una settimana prima che andassero in onda le puntate che la vedevano trionfatrice.

Appassionata del programma fin da bambina, Cindy aveva provato a partecipare al quiz quando ancora frequentava il liceo senza però riuscirci. Dopo una laurea in ingegneria chimica è riuscita a superare le prove per poter gareggiare e, così come ricorda il compagno Jason Hess alla radio Npr, ha scritto ai produttori per accelerare i tempi di registrazione:

Quando potete farmi partecipare? Ve lo chiedo perché ho appena scoperto che non mi resta molto da vivere. I medici pensano non più di sei mesi”.

Si trattava di un cancro al colon in fase terminale e, così, dopo sole tre settimane da quella lettera la produzione ha deciso di farla partecipare al programma:

“Era un momento particolarmente brutto per Cindy, non sapevo dove prendesse la forza, eppure era lì, con una grande carica“.

Nonostante la malattia Cindy si dimostrava più sorridente e forte che mai tanto da arrivare a vincere per cinque volte consecutivamente, accumulando oltre 80 mila dollari. La campionessa non aveva rivali se non il cancro che l’ha uccisa lo scorso 5 dicembre, una settimana prima della messa in onda delle sue puntate vincenti. Così come aveva deciso, la somma in denaro vinta è stata donata alla ricerca sul cancro ed il compagno ha voluto ricordarla così:

Cindy sperava che nessun altro debba mai soffrire quel che ha sofferto lei, ma sarebbe imbarazzatissima se sapesse che oggi tanta gente conosce la sua storia e che migliaia di persone mi scrivono per ricordarla con ammirazione e affetto“.