Nelle sale è uscito il nuovo film di Paolo Virzì, ‘Tutti i santi giorni’, che è stato definito un film semplice in grado di raccontare la relazione di una giovane coppia che, nella quotidianità, si ama e si tiene per mano mentre percorre la strada della vita.

Il film è tratto dal romanzo ‘La generazione’ di Dalai Editore, e vede come protagonisti Guido, un portiere di notte che però, appassionato di letteratura viene conteso dalle università americane, e Antonia, cantautrice dalla voce incantevole che però è costretta a lavorare in un autonoleggio.

I due protagonisti passano poco tempo insieme, visti gli orari di lavoro, ma quel poco gli basta per amarci e per vivere con semplicità.

Cercano anche di avere un figlio che però non arriva.

Guido e Antonia, interpretati da Luca Marinelli e Federica Caiazzo, rappresentano la generazione dei disillusi e frustrati giovani italiani che si ritrovano a veder castrati i loro talenti per una vita inaspettata.

A proposito di questo film, Virzì racconta che “parlare d’amore non è mai facile, si rischia sempre di scivolare su fasullaggini e mielosaggini”.