Sembra che la moda faccia passi da gigante quando vedi che sulla copertina di Vogue comparire una donna come Lena Dunham (nella foto in cima al post). Illusioni. Basta una dichiarazione per capire quanto lavoro c’è ancora da fare.

A farla è Alexandra Shulman, direttrice Vogue Uk, che ai microfoni della BBC Radio 2 afferma: “Nessuno vuole vedere una persona reale in copertina. Vogue è una rivista di fantasia in una certa misura, di sogni, rappresenta una fuga dalla vita reale “. Poi continua: “La gente non vuole comprare una rivista come Vogue per vedere quello che vedono quando guardano nello specchio. Quello, Possono farlo gratuitamente“.

Dichiarazioni che lasciano perplesse tutte quelle donne che rivendicano di poter essere rappresentate nel mondo della moda. Finché ci sono delle direttrici che pensano ancora che la moda sia sogno, i passi avanti non potranno di certo essere fatti. In tempi di crisi come quelli che stiamo vivendo gli stilisti oltre a vendere il sogno, non sperano di vendere? E in una società in cui il 70% della popolazione ha una taglia superiore alla 44, siamo proprio sicuri che tutte le donne vogliono vedere servizi fotografici con ragazze esili, senza forme e così lontane dalla realtà?

Cara Shulman, io scenderei dai palazzi della moda e proverei a vivere una giornata in mezzo alle persone. E forse, la visione della tua realtà distorta, potrebbe essere modificata ascoltando tutte quelle donne che non sono più disposte a subire modelli mediatici irrealistici e photoshoppati.

(Seguite Elisa anche sul suo sito ufficiale: Elisadospina.com!)

Leggete anche:

Siamo donne, oltre le gambe c’è di più… Non per tutte.

Social networking: Ego 2.0, quando il condividere sovrasta il vivere.

Uomini stalking: le cinque categorie che li identificano.

Miss Italia selezioni: quelle taglie 44 considerate grasse dalla RAI.