Una voragine inghiotte automobili, camper e tende, costringendo almeno 300 persone all’evacuazione. È quel che succede in Australia, nel Queensland, dove una una profonda apertura si è improvvisamente aperta a ridosso di una spiaggia, estendendosi per ben 200 metri. L’incredibile fenomeno naturale, non il primo del genere nel continente, si è verificato a Inskip Point, nei pressi di Rainbow Beach, lo scorso sabato alle 11.

Fortunatamente non vi sono feriti né decessi, ma le autorità locali stanno avvertendo la popolazione di rimanere lontana dalla zona dell’accaduto, per evitare altri possibili incidenti. Al momento, gli esperti locali non hanno fornito una spiegazione ufficiale al fenomeno, anche se più piste rimarrebbero aperte. La più condivisa sembra essere quella relativa a una serie di terremoti avvenuti nella zona nelle ultime settimane, che potrebbero aver modificato i fondali più profondi, causando il crollo successivo della superficie. «Vi è una reale possibilità la voragine si espanda con le correnti dell’oceano – ha spiegato il ranger Dan Clifton – quindi chiediamo alle persone di evitare l’area. Mentre continuiamo a valutare la situazione, la nostra priorità è la sicurezza pubblica».

Fonte: Guardian