Ha richiesto ai genitori l’aumento della sua paghetta settimanale, ma non si sarebbe mai atteso una risposta simile. È quello che è accaduto a un bimbo statunitense di soli sei anni, pronto a chiedere al papà di ricevere 20 dollari in più alla settimana. Anziché rispondere con un laconico “no”, il genitore ha trovato un modo di certo originale per negare la richiesta del pargolo.

Tutto è stato organizzato minuziosamente: armato di computer, il padre ha realizzato il logo di una divertente “banca di papà”, dopodiché ha scritto una lettera formale, identica a quelle che gli istituti di credito sono solite inoltrare al rifiuto di una richiesta di finanziamento. Nella missiva si legge come l’aumento della paghetta sia stato rifiutato per “fondi insufficienti”: «Siamo spiacenti di informarLa che al momento non ci è possibile erogare il prestito di 20 dollari da lei richiesto – così si legge – poiché, dopo aver esaminato il Suo conto, abbiamo riscontrato come non disponga di fondi sufficienti». La stessa lettera spiega come il bambino abbia già accumulato diversi debiti durante il corso del recente Natale, ma potrebbe esservi una scappatoia per il piccolo risparmiatore rifiutato: può sempre chiamare la manager della banca, il cui numero è riportato in calce alla lettera, ovvero la mamma.

Fonte: ADNKronos