Il primo Consiglio dei ministri del Governo guidato da Matteo Renzi ha subito preso iniziative importanti: per prima cosa è stato dato l’ok al decreto salva-Roma, necessario per colmare il buco di bilancio della nostra Capitale. In questo è prevista anche l’addizionale dell’8 per mille della Tasi, l’imposta che finanzia i servizi indivisibili (ad esempio il trasporto pubblico locale, l’anagrafe e l’illuminazione delle strade). Il sottosegretario Graziano Delrio ha fatto sapere che non ci sarà nessun trasferimento di soldi dal governo al comune di Roma, ma solo tra il Commissario e il Comune. Infine la web tax. Delrio, durante la conferenza stampa odierna, ha annunciato la cancellazione della stessa, cosa confermata poi in seconda battuta anche dal Premier Renzi via twitter: “Avevamo detto no web tax, siamo stati di parola”, ha cinguettato Renzi.

LEGGI ANCHE

Google web tax: emendamenti presentati in sordina gli internauti non ci stanno e gridano #fuckwebtax

Web tax: se ami l’Italia twitta #fuckwebtax a Enrico Letta

Legge di Stabilità: web tax riformulata, il testo passa in Aula