Nuove truffe via web: questa volta le vittime sono uomini, prede succulente di ragazze provocanti e persuasive che si insinuano tra i desideri di chi cerca un’avventura, l’anima gemella, o la trasgressione a buon mercato, convincendoli a spogliarsi davanti alla loro webcam, fornendo così, a loro insaputa, materiale hot con il quale vengono poi ricattati.

Un fenomeno in crescita che è stato già denunciato da ben cinque uomini a Udine nel giro di una settimana.

“Li adescano attraverso Facebook, li lusingano con qualche messaggio ammiccante e li indirizzano verso un sito “hard”. Qui, complice una semplice webcam, completano l’opera: lei, una delle solite donne particolarmente discinte e generose, lo provoca a suon di chat e posizioni osè e lui, il solito uomo a caccia di avventure facili, ci casca come un pero e, svestitosi a sua volta, si abbandona ad atteggiamenti non meno “spinti”. Il gioco è fatto. Perchè a questo punto loro (le donne) hanno quel che volevano: materiale scottante da utilizzare come merce di scambio. Per scucire, cioè, al malcapitato di turno qualche gruzzoletto di denaro. Pena, la pubblicazione on line dei loro riservatissimi.” Così riporta un articolo firmato da Luana de Francisco del Messaggero Veneto.

Due uomini hanno dichiarato di aver versato quanto richiesto dalle rispettive ricattatrici su conti che sembrerebbero portare verso sud, in Marocco per la precisione. Tre di loro invece hanno invece preferito non formalizzare la denuncia, limitandosi a segnalare la vicenda, forse per timore di essere scoperti dalle proprie compagne. Minorenni e maturi  immortalati senza mutande e coperti di vergogna, occhio quindi a navigare in rete senza rimanere intrappolati!

photo credit: Punki :) via photopin cc