In queste ore un gommone con a bordo 20 persone avrebbe imbarcato acqua: a riferirlo è Alarm Phone, numero di soccorso per migranti in difficoltà in mare, che parla di 8 persone disperse al largo della Libia. La prima telefonata è giunta intorno alle 6 quando un piccolo gommone, con a bordo anche donne e bambini, chiedeva disperatamente aiuto.

Stando alle prime informazioni, otto persone sarebbero cadute in acqua, i migranti avrebbero già lanciato l’SOS e le autorità sarebbero state tempestivamente avvertite. Ora resta da capire se sarà la stessa guardia costiera libica a salvare gli uomini, le donne e i bambini in difficoltà mettendoli prima di tutto in sicurezza e solo dopo riportandoli indietro.

La questione immigrazione in Italia

Intanto il Ministro dell’Interno e vicepremier Matteo Salvini sta lavorando affinché le Ong non possano più mettere piede in Italia: l’obiettivo del leader della Lega è quello di sconfiggere il business dell’immigrazione clandestina e di evitare quante più morti possibili in mare (il Mediterraneo in questi anni è diventato un cimitero a cielo aperto). I porti – secondo Salvini – continuano a restare chiusi, tranne per casi eccezionali come quelli dettati dall’intervento della magistratura. Basti pensare all’ultima inchiesta aperta a Lampedusa dove ha attraccato la nave dell’Ong battente bandiera italiana.