Sta facendo discutere la notizia secondo cui una bimba di 8 anni si sarebbe recata a scuola, in un istituto vicino a Bari, con una limousine. Com’è potuto accadere?

“Cara preside, oggi una limousine lunga 5 metri attendeva una bimba di 8 anni e solo alcuni dei suoi compagni di classe all’uscita dalla “sua” scuola pubblica, accanto al pulmino pubblico pagato dal Comune. Stasera toccherà a noi famiglie mettere una pezza, cercando di circostanziare il significato di quella bravata, riportando i nostri figli alla realtà. Tanto già lottiamo con il mito dei calciatori e dei ballerini di Amici, adesso dobbiamo solo aggiungere il mito della limousine per il compleanno di 8 anni”, queste le parole di una mamma barese alla dirigente scolastica della scuola frequentata dai suoi figli.

E ancora:

Lei lo sapeva? Era d’accordo? Domani mi posso aspettare che girino una puntata di Beautiful o di Amici? Doveva vederli, gli sguardi dei bimbi stanchi, dopo 8 ore di scuola, increduli, curiosi e gelosi…E incapaci di interpretare quell’evento.

Qualcuno scrive di essere dispiaciuto “per la bimba, vittima innocente di un pericoloso oggi e ancora più dopo, cattivo esempio e insegnamento”. Ma c’è anche chi si schiera dalla parte dei genitori dell’allieva che si sarebbe recata a scuola in limousine: “Se un genitore può permettersi di regalare un giorno così al suo bimbo deve essere sempre messo alla gogna?”.